Gilbert Keith Chesterton - Citazioni

Da Famous Quotes, aforismi e citazioni in libertà.

Gilbert Keith Chesterton (1874 - 1936), scrittore britannico.

  • A mio avviso il golf è un modo costoso di giocare alle biglie.
  • Ai giorni nostri, la parte peggiore del lavoro è ciò che capita alla gente quando smette di lavorare.
  • C'è un grande uomo che fa sentire ogni uomo piccolo. Ma il vero grande uomo è colui che fa sentire tutti grandi.
  • C'è una strada che va dagli occhi al cuore senza passare per l'intelletto.
  • Chi non crede in Dio non è vero che non crede in niente perchè comincia a credere a tutto.
  • Gli uomini coraggiosi sono tutti dei vertebrati: sono morbidi in superficie e duri nel mezzo.
  • I bambini sono grati alla Befana che mette nelle loro calze doni di giocattoli e dolci. Posso io non essere grato a Dio che mi ha messo nelle calze il dono di due meravigliose gambe?
  • I bambini sono innocenti e amano la giustizia, mentre la maggior parte degli adulti è malvagia e preferisce la misericordia.
  • I fatti non hanno mai creato lo spirito della realtà, perché la realtà stessa è uno spirito.
  • I ricchi sono la feccia della terra in ogni paese.
  • Il buddismo non è un credo, è un dubbio.
  • Il compromesso era solito significare che mezza pagnotta era meglio di niente. Tra i moderni statisti sembra realmente che mezza pagnotta sia meglio di una pagnotta intera.
  • Il mondo non morirà mai di fame per la mancanza di meraviglie, quanto per la mancanza di meraviglia.
  • Il poeta cerca solo di mettere la testa in cielo. É il logico che cerca di mettere il cielo dentro la propria testa. Ed è la sua testa che si spacca.
  • Il povero onesto può a volte dimenticare la sua condizione, ma l'uomo ricco e onesto non lo può fare.
  • Il semplice e crudo piacere di leggere può essere paragonato al piacere che una mucca prova mentre bruca.
  • Il vero modo per amare qualsiasi cosa consiste nel renderci conto che la potremmo perdere.
  • L'istruzione è un periodo durante il quale si viene istruiti da qualcuno che non si conosce su qualcosa che non si vuole conoscere.
  • L'uomo che lancia una bomba è un'artista perché preferisce un grande momento a tutto.
  • L'uomo che non dà importanza al suo cambiamento non è un vero poeta.
  • La Bibbia ci dice di amare i nostri vicini di casa, ed anche di amare i nostri nemici. Probabilmente perché spesso sono la stessa cosa.
  • La crudeltà è, forse, il tipo peggiore di peccato. La crudeltà intellettuale è certamente il tipo peggiore di crudeltà.
  • La dignità dell'artista sta nel suo dovere di tener vivo il senso di meraviglia nel mondo. (da Generally Speaking)
  • La felicità é uno strano personaggio: la si riconosce soltanto dalla sua fotografia al negativo.
  • La gente litiga perché non può discutere.
  • La musica a cena è un insulto sia per il cuoco che per il violinista.
  • La primavera non è primavera se non arriva troppo presto.
  • La psicanalisi è una confessione senza assoluzione.
  • La tradizione non significa che i vivi sono morti, ma che i morti sono vivi.
  • Le circostanze spezzano le ossa di un uomo; ma non è mai stato dimostrato che esse spezzino l'ottimismo di un uomo.
  • Non abbattere mai una palizzata prima di conoscere la ragione per cui fu costruita.
  • Non credo che il fato colpisca gli uomini qualunque cosa facciano, ma credo che il fato li colpisca a meno che essi non facciano qualcosa.
  • Ogni architettura è grande dopo il tramonto: forse l'architettura è veramente un'arte notturna, come quella dei fuochi artificiali.
  • Pazzo non è chi ha perso la ragione, ma chi ha perso tutto fuorché la ragione.
  • Per amare qualcosa bisogna rendersi conto che potremmo perderla.
  • Sarebbe ingiusto passare sotto silenzio la definizione misteriosa ma suggestiva data, pare, da una bambina: «Un ottimista è un uomo che vi guarda gli occhi, un pessimista un uomo che vi guarda i piedi». (da Ortodossia)
  • Se c'è qualcosa di peggio dell'odierno indebolirsi dei grandi principi morali, è l'odierno irrigidirsi dei piccoli principi morali. (da Tremendous Trifles)
  • Si potrebbe compilare il peggior libro del mondo usando solamente passi scelti dei migliori scrittori esistiti.
  • Si può conoscere il cosmo, ma non il proprio ego; il proprio io è più distante di ogni altra stella.
  • Talvolta l'uomo d'affari di successo fa i soldi grazie alla propria abilità ed esperienza, ma di solito li fa per sbaglio.
  • Tutta la differenza fra costruzione e creazione è esattamente questa: una cosa costruita si può amare solo dopo che è stata costruita; ma una cosa creata si ama prima che esista. (prefazione al Circolo Pickwick di Charles Dickens)
  • Tutti i dialetti sono metafore e tutte le metafore sono poesia.
  • Tutto era magnifico, paragonato al nulla.
  • Un bel racconto ci dice la verità sul suo vero eroe, ma un brutto racconto ci dice la verità sul suo autore.
  • Un grande classico è uno scrittore che si può lodare senza averlo letto.
  • Un uomo non può mai capire veramente un ragazzo, neppure quando lui è stato un ragazzo.
  • Una buona battuta di spirito è una cosa assoluta, sacra, che non si può criticare.
  • Una nuova filosofia in generale significa in pratica l'espressione di qualche vecchio vizio.
  • Una scusa impettita è un nuovo insulto... La parte lesa non vuol essere compensata perché è stata offesa, vuole essere guarita perché è stata ferita.
  • Un'avventura è soltanto un fastidio considerato nel modo giusto. Un fastidio è soltanto un'avventura considerata nel modo sbagliato.
  • Vi è qualcosa di depravato in ogni uomo che non abbia voglia di violare i dieci comandamenti.