Jean-Paul Sartre - Citazioni

Da Famous Quotes, aforismi e citazioni in libertà.

Jean-Paul Sartre (1905 - 1980), scrittore e filosofo francese, premio Nobel per la letteratura.

Premio Nobel
Per la letteratura (1964)
  • A quel tempo, una famiglia raffinata doveva sempre includere almeno un bambino delicato. Io ero un soggetto perfetto perché avevo brevemente considerato di morire alla nascita.
  • Alle tre del mattino è sempre troppo presto o troppo tardi per qualsiasi cosa tu voglia fare.
  • Anche il povero ha una precisa funzione nella vita sociale: permettere al ricco l'esercizio della generosità.
  • É vero che non sei responsabile di quello che sei, ma sei responsabile di quello che fai di ciò che sei.
  • Ero un bambino, cioè uno di quei mostri che gli adulti fabbricano con i loro rimpianti.
  • Gli uomini divorziati che si risposano sono dei delinquenti passionali recidivi.
  • Il fascismo non è definito dal numero delle sue vittime, ma dal modo con cui le uccide.
  • Il lavoro migliore non è quello che ti costerà di più, ma quello che ti riuscirà meglio. (da Le mani sporche)
  • Il male è il prodotto dell'abilità degli uomini di rendere astratto ciò che è concreto.
  • Il mondo è iniquità: se lo accetti sei complice, se lo cambi sei carnefice.
  • Il mondo può benissimo fare a meno della letteratura. Ma ancor di più può fare a meno dell'uomo.
  • Il più vile degli assassini è quello che ha del rimorso.
  • Il povero non sa che la sua funzione nella vita è permetterci l'esercizio della generosità.
  • In realtà, la gente legge perché vuole scrivere. Ad ogni modo, la lettura è come riscrivere.
  • In Urss la libertà di critica è totale.
  • La giovinezza non consiste nel cambiare continuamente opinioni e nella mutevolezza dei sentimenti, ma nel provare quotidianamente, a contatto con la vita, la forza e la tenacia di quelle idee e di quei sentimenti.
  • La questione è che l'uomo non fa quello che vuole, ma è comunque responsabile di ciò che è.
  • La società rispettabile credeva in Dio per evitare di doverne parlare. (da Le parole)
  • L'inferno sono gli altri.
  • L'umanità è una passione futile.
  • L'uomo è condannato ad essere libero.
  • L'uomo non è la somma di ciò che ha, ma la totalità di quello che non ha ancora, tra quello che potrebbe avere.
  • Mangiare è possedere per mezzo della distruzione.
  • Non ci sono bambini "innocenti". (da L'essere e il nulla)
  • Non facciamo quello che vogliamo e tuttavia siamo responsabili di quel che siamo. (da Situazioni)
  • Nutro per la borghesia un odio che finirà solo con me.
  • Odio le vittime che rispettano i loro giustizieri.
  • Quando Dio tace, gli si può far dire quello che si vuole. (da Il diavolo e il buon Dio)
  • Quando i ricchi si fanno la guerra, sono i poveri a morire.
  • Quando non si fa nulla, ci si crede responsabili di tutto.
  • Quelli che mi vedono, raramente si fidano della mia parola: devo aver l'aria di uno troppo intelligente per mantenerla.
  • Un americano è un ebreo o un antisemita, a meno che non sia entrambi.
  • Una società educata crede in Dio, così che non ha bisogno di parlare di Lui.
  • Ciò che non è assolutamente possibile è non scegliere.
  • L'uomo è in primo luogo ciò che si slancia verso un avvenire e ciò che ha coscienza di progettarsi verso l'avvenire.

Voci correlate