James Hillman - Citazioni

Da Famous Quotes, aforismi e citazioni in libertà.

James Hillman (1926 - vivente), psicologo analista americano.

  • Ermes-Mercurio oggi è dovunque. Vola per l'etere, viaggia, telefona, è nei mercati, e gioca in borsa, va in banca, commercia, vende, acquista, e naviga in Rete. Seduto davanti al computer, te ne puoi stare nudo, mangiare pizza tutto il giorno, non lavarti mai, non spazzare per terra, non incontrare mai nessuno, e tutto questo continuando a essere connesso via Internet. Questa è Intossicazione Ermetica.
  • Attraverso la forza dell'immagine, che si esprime come sintomo, [...] L'uomo naturale, che si identifica con lo sviluppo armonico, l'uomo spirituale, che si identifica con la perfezione trascendente, e l'uomo normale, che si identifica con l'adattamento pratico e sociale, deformati, si trasformano nell'uomo psicologico, che si identifica con l'anima. (da La vana fuga degli dei)
  • La terapia, o l'analisi, non è solo qualcosa che gli analisti fanno ai pazienti, essa è un processo che si svolge in modo intermittente nella nostra individuale esplorazione dell'anima, negli sforzi per capire le nostre complessità, negli attacchi critici, nelle prescrizioni e negli incoraggiamenti che rivolgiamo a noi stessi. Nella misura in cui siamo impegnati a fare anima, siamo tutti, ininterrottamente, in terapia. (da Re-visione della psicologia, 1975)
  • [Gli archetipi sono] I modelli più profondi del funzionamento psichico, come le radici dell'anima che governano le prospettive attraverso cui vediamo noi stessi e il mondo. Essi sono le immagini assiomatiche a cui ritornano continuamente la vita psichica e le teorie che formuliamo su di essa. (da Re-visione della psicologia, 1975)
  • Oggi la nostra teologia è l'Economia. (da Il potere)
  • Ogni ferita è una ferita mortale, il disconoscimento della mortalità.
  • La ferita che rende l'adattamento così singolare o impossibile rende anche possibile un destino nuovo. E' uno spirito nuovo che emerge dalla debolezza, e attraverso le nostre lacune esce fuori l'inaspettato.
  • Dioniso è essenzilamente un Dio delle donne. Sebbene sia una figura maschile e fallica, non c'è misogenia nella struttura di coscienza che egli rappresenta, giacchè essa non è divisa dalla sua femminilità.
  • Le parole, al pari degli angeli, sono forze dotate di poteri occulti su di noi. Sono presenze personali corredate da intere mitologie.... e dei loro effetti monitori, blasfemi, creativi e distruttivi.